I miei romanzi

Delle fate e altri incanti…

Sono affascinata da sempre da fate e creature fantastiche. Popolavano la mia fantasia già quando ero piccola, e sono rimaste con me negli anni, fino a oggi. Era inevitabile che prima o poi finissero nei miei romanzi, anche se bisogna dire che ne “I Talenti delle Fate” fanno la loro apparizione in maniera indiretta, poiché di fatto nel libro non ci sono fate, comunque non nella loro accezione classica. Come dice Nonna, un personaggio cui sono molto affezionata:

«Io non vedo le Fate come esserini di luce dalle ali brillanti, abbigliate con graziosi vestitini; io credo piuttosto che le Fate siano tra la gente comune, che siano gente comune.»
«Cosa?» Elisa parve perplessa.

«Proprio così! Una Fata a mio avviso non è altro che una persona dotata di un Talento straordinario, capace di creare la magia nella vita quotidiana. Senza bacchette o polvere magica.»

(altro…)