Non di soli libri... Film

La forma dell’acqua

Ci sono film che sono come fiabe: non iniziano con il classico “C’era una volta”, ma sai che lo sono, lo senti, te ne accorgi quasi subito. Io ho avvertito questa consapevolezza quando ho guardato La forma dell’acqua; ne sono stata rapita, ho subito pensato “ci siamo, ecco un film che mi piacerà un sacco!’.
Ed è stato così.

Siamo in una cittadina americana degli anni Cinquanta. La protagonista della storia è Elisa Esposito, una ragazza muta che lavora come donna delle pulizie presso un importante centro di ricerca. Un giorno Elisa entra in contatto con una misteriosa creatura acquatica, custodita in gran segreto in uno dei laboratori del centro, e ne rimane affascinata. Piano piano riesce a entrare in comunicazione con questa specie di uomo anfibio, e i due diventano amici. La minaccia però incombe: il capo del progetto di ricerca decide di vivisezionare la creatura, sperando così di apprendere qualcosa di utile che possa facilitare l’ambizioso progetto di mandare l’uomo sulla luna. Elisa non può permettere che il suo amico venga ucciso, ma riuscirà a farlo scappare?

Mi ha subito colpita la somiglianza tra questo film e la fiaba La Bella e la Bestia: una fanciulla che si distingue per la sua speciale attitudine, un mostro prigioniero, la necessità di salvarlo dal malvagio di turno che vuole fargli del male, la lotta contro il tempo e la cattiveria umana. Nel vedere Elisa che cerca di fare amicizia con la creatura, facendogli ascoltare dei dischi o offrendogli delle uova sode, mi sembrava di riconoscere Belle mentre insegna a leggere alla Bestia o beve il porridge direttamente dal piatto, perché lui fatica a usare le posate. Entrambe le storie sono basate sulla nascita di un sentimento che sembrerebbe senza speranza, essendo i due protagonisti così diversi, eppure bisogna accantonare ogni preconcetto e affidarsi alla fiaba, che non delude mai.

La forma dell’acqua è un ottimo film, caratterizzato da un buon ritmo narrativo e da ambientazioni molto suggestive e ben costruite. Si rimane avvinti dalla vicenda, stregati dai personaggi così ben riusciti, e non si può fare a meno di cadere nel controsenso di voler arrivare presto alla fine, per essere sicuri che tutto vada bene, e al contempo non volere che finisca, perché è troppo bello. Anche la colonna sonora fa la sua parte, regalandoci delle chicche anni Cinqanta e alcuni brani che mi hanno ricordato moltissimo Il favoloso mondo di Amélie, con quei romantici giri di fisarmonica e il tempo di tre quarti. In effetti l’accostamento tra le due pellicole sorge quasi spontaneo, perché le prime scene del film di Guillermo Del Toro richiamano in qualche modo l’atmosfera parigina e un po’ sopra le righe riprodotta a suo tempo da Jeunet. Le similitudini però si fermano qui, si tratta di due lavori che scorrono su binari molto diversi.

La forma dell’acqua è un film da vedere quando si ha voglia di una favola, magari quando fuori piove, per avere la giusta atmosfera. Romanticismo, sentimento, un pizzico di suspence e una vena da commedia, tutto questo in una storia che vale ogni minuto passato davanti al televisore.

Con un sorriso,
Antonella Arietano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *