Diario di una scrittrice all'epoca dei social

Nomi, città, cose, persone: una mappa per trovarli e nella trama collegarli

Ambientare un romanzo in luoghi che si conoscono molto bene non è sempre possibile, a volte non lo si desidera nemmeno: si preferisce spaziare oltre i confini conosciuti e spingersi più o meno lontano. Se si crea un mondo di fantasia si può spaziare con l’immaginazione senza timore di riportare informazioni errate, avendo cura comunque di rimanere nei limiti della coerenza richiesta dalla propria storia (fantasy non significa assurdo o «buttato là», tutt’altro). Ma se si sceglie di rimanere nel mondo conosciuto, magari in una grande città, allora occorre attenersi a qualche piccolo accorgimento allo scopo di mantenere il patto di fiducia con il lettore. Per fare un esempio, se decido di ambientare la mia storia a New York, bisogna far sì che chi legge creda davvero di trovarsi a New York. Come si ottiene questo obiettivo?

(altro…)